Alice Bariselli bio

ALICE BARISELLI

Inizia a studiare danza nel 1997 presso la scuola di danza Studio del Movimento (Budrio-Bologna).

Diplomata nel 2005 in Dance Performance presso S.E.A.D. (Salzburg Experimental Academy of Dance).

Studia con David Zambrano, Inaki Azpillaga, Vim Vandekeybus, Edoardo Torroja, Andrew Harwood, Marion Ballester, Ori Flomin, Joao da Silva, Chrysa Parkinson, Jennifer Lacey, Carol Teitelbaum, Michele di Stefano, Simona Bertozzi, Cindy Van Acker.

Si perfeziona presso la compagnia Ultima Vez  (Bruxelles) – 2002  e la compagnia di Merce Cunningham (New York) – 2008.

Nel 2012 consegue un Master in Coreografia presso Trinity Laban College di Londra.

Nel 2009 e nel 2012 è selezionata, come coreografa, per partecipare al progetto Choreographic Collision nell’ ambito della Biennale Danza di Venezia sotto la direzione di Ismael Ivo.

Nel 2013 Vince il premio Giovani DanzAutori Emilia-Romagna con la performance Quite/Under.

Viene selezionata come danzatrice e coreografa, per il progetto Volcano, Coreografia e Complessità  presso l’Arboreto di Mondaino (RN) con le coreografe Cindy Van Acker e Simona Bertozzi.

Partecipa come danzatrice ai lavori coreografici di Emilia Martinci  A/M Project, Vita Osojinic  (Slovenia), Ewa Bankovska (Polonia), Milli Bitterli (Austria), Ori Flomin (Usa), Jessica Bravo Pena (Protorico, U.S.), Marttaleena Nikkari (Finlandia), Nicola Galli, Marcos Morau / Compagnia La Veronal.

Parallelamente all’attività di danzatrice e autrice, insegna danza contemporanea, composizione coreografica e tecnica Pilates presso Studio del Movimento Danza di Bologna e Centro Equilibrio Imola. Dal 2020 è docente di tecnica contemporanea per APP corso di formazione professionale per danzatori  presso Alma Danza /Bologna.

Nel 2015 consegue la certificazione in Pilates Matwork con Balanced body University e Fisicamente Formazione.

Nel 2021 cosegue la certificazione in Progressing Ballet Technique.

Come giovane coreografa entra a far parte dell’associazione culturale Nexus / Nexus Factory della coreografa Simona Bertozzi, ricevendo il sostegno alla produzione e organizzazione ai lavori coreografici.