Credits

by
Lucia Guarino
with
Lucia Guarino
project
Con il Sostegno: Performing SantaCaterina, La società dello Spettacolo, Il Vivaio del Malcantone

CUORE MATTO

 “… e il suo animo gemente, contrastato e dolente, era trafitto da una spada …”  Jacopone da Todi

Il lavoro coreografico è una prima indagine sulla sacralità del doloreAccenni e appunti di immaginari intimi rappresentati da un trittico di esercizi sulla più interna origine del lasciareandare:  il cuore addolorato, lasciare che sia, tentativo di distacco. Una riflessione su come possiamo imparare a spezzare le abitudini di accumulare e perpetuare vecchie emozioni e su come imparare a trattenerci dall’abitare nel passato e provare a essere leggeri. Il corpo è attraversato da tre partiture: dolore – lasciare andare – volo e in queste occupa di nuova presenza lo spazio che viene attraversato da compressioni, martiri, beatitudini, dilatazioni, abbandoni, lanci e preparazioni accurate a un possibile volo.

Il progetto nasce dalla volontà di tradurre attraverso il movimento il più interno e profondo dolore causato dal cosciente e consapevole tentativo di affrontare l’esperienza emotiva del lasciare andare per poi spiccare il volo e liberarsi. Un’esplorazione su come queste tre emozioni nella loro diversità possono modificare il corpo nella sua gestualità. Se il dolore nasce dal plesso solare e poi si sviluppa in tutto il corpo tramite contrazioni e rilassamenti, piccole e impercettibili compressioni, torsioni interne che poi vanno a rilanciare l’energia accumulata, il tentativo di lasciare andare è un lento abbandono e rilassamento che parte dall’origine più profonda delle articolazioni e che va a sciogliersi nel movimento ed infine il distacco è dato da uno “sbatter d ‘ali”, dal tentativo di volo di alleggerire il cuore e staccarsi da terra, attrazione e repulsione. Lente e controllante preparazioni al volo si alternato a repentini salti senza forma per staccarsi da ciò che ci spinge alla gravità.

 

| Copyright 2018 All Rights Reserved | Studio Massimo Paganini |